Font Size

Profile

Layout

Menu Style

Cpanel

Dintorni

Il Residence Chiesiola è un’ottima base di partenza per raggiungere facilmente i luoghi che rendono Vieste celebre in tutto il mondo.

I Trabucchi

I Trabucchi sono una presenza tipica della nostra costa.
Con un architettura molto complessa, fatta di pali di legno che si intrecciano a fili e carrucole, essi erano uno strumento molto efficacie, specie sul nostro litorale, per lapesca del pesce di passaggio.

Il loro metodo è semplice e consiste nell’immergere nel mare una grossa rete a sacco sostenuta da svariate antenne, su di queste si posiziona una vedetta che dall’alto riesce a vedere l’arrivo del branco di pesce ed al suo segnale le persone presenti sul Trabucco iniziano a girare una ruota che tramite una fitta e complessa rete di fili e carrucole alza il sacco della rete dal mare ed imprigiona il branco di pesce.

Questa pesca è stata praticata per molto tempo e sfruttava le migrazioni dei branchi di pesce da nord a sud dell’adriatico.

Isole Tremiti

Da non perdere un gita alle affascinanti isole di Tremiti.

L’arcipelago è composto da tre isole: S. Domino, S. Nicola e Capraia.

La natura incontaminata, l’acqua cristallina, la varietà dei colori dei fondali, il fascino della storia rendono le Isole Tremiti una tappa turistica obbligata cui nessun appassionato del mare dovrebbe negarsi.

La più importante e bella è l’ Isola di S. Domino, interamente ricoperta da una lussureggiante pineta a Pino d’Aleppo.

Le splendide Cala delle Arene, Cala degli Inglesi, Cala Matano, sono raggiungibili a piedi per trascorrere intere giornate al sole immergendosi in acque limpidissime e dai colori variopinti.

Con piccole imbarcazioni, facilmente noleggiabili, è possibile allontanarsi dalle zone più affollate e raggiungere le restanti splendide calette che circondano le isole. 

Monte S. Angelo

Monte S. Angelo, suggestivo centro medievale ad 800 metri sopra il livello del mare, ospita l’omonimo santuario dedicato all’Arcangelo Michele.

Di interesse storicoe artistico del centro sono anche la Tomba di Rotari e il castello Normanno - Svevo - Aragonese.

Le Grotte

Tra i maggiori fenomeni carsici della costa pugliese vi sono le grotte, scolpite dal lavoro di migliaia di anni delle acque piovane e dall’attività corrosiva del mare.

Il suggestivo scenario di grotte, voragini,doline e strapiombi è reso magico dai riflessi di luce e dalla trasparenza delle acque.

I pescatori si sono divertiti a battezzare le grotte con i nomi più curiosi e congeniali, come, per citarne alcuni: grotta Sfondata, Campana, grotta dei Contrabbandieri, grotta dei Due Occhi, grotta dei Colombi, grotta dei Pipistrelli, la grotta Calda o delle Viole, la grotta della Tavolozza, la grotta delle Sirene, quella dei Sogni e del Faraone, la grotta Smeralda, dei Marmi e del Serpente...

Foresta Umbra

La Foresta Umbra prende il nome proprio dall’ombra che gli alberi di alto fusto creano, è chiamata anche la Foresta del Sud con gli alberi del Nord a causa dellavegetazione prettamente caratteristica delle foreste del Nord.

Si estende per circa 11.000 ettari e raggiunge un’altitudine di circa 800 metri, ed incorpora un giardino biologico variegato con faggi secolari, aceri, cerri, lecci, tassi ed una varietà unica di splendide orchidee.

La Foresta dista da Vieste circa 10 Km e lungo la strada che l’attraversa si trovano aree attrezzate per Pic Nic e sentieri escursionistici. 

S. Giovanni Rotondo

La città di S. Giovanni Rotondo, meta di moltissimi fedeli del "Frate delle Stimmate", custodisce la tomba di San Pio di Petralcina.

Numerosi i luoghi sacri che testimoniano la religiosità della cittadina dominata dal Monte Calvo, il rilievo più alto del Gargano.